Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


4 commenti

escher si paga, wislawa la offro io

http://www.palazzomagnani.it/2013/07/lenigma-escher/

– e ora qualche passo
da parete a parete,
su per questi gradini
o giù per quelli,
e poi un po’ a sinistra,Immagine
se non a destra,
dal muro in fondo al muro
fino alla settima soglia,
da ovunque, verso ovunque
fino al crocevia,
dove convergono,
per poi disperdersi
le tue speranze, errori, dolori,
sforzi, propositi e nuove speranze.

Una via dopo l’altra,
ma senza ritorno.
Accessibile soltanto
ciò che sta davanti a te,
e laggiù, a mo’ di conforto,
curva dopo curva,
e stupore su stupore,
e veduta su veduta.
Puoi decidere
dove essere o non essere,
saltare, svoltare
pur di non farsi sfuggire.
Quindi di qui o di qua,
magari per di lì,
per istinto, intuizione,
per ragione, di sbieco,
alla cieca,
per scorciatoie intricate.
Attraversi infilate di file
di corridoi, di portoni,
in fretta, perché nel tempo
hai poco tempo,
da luogo a luogo
fino a moli ancora aperti,
dove c’è buio e incertezza
ma insieme chiarore, incanto
dove c’è gioia, benché il dolore
sia pressoché lì accanto
e altrove, qua e là,
in un altro luogo e ovunque
felicità nell’infelicità
come parentesi dentro parentesi,
e così sia
e d’improvviso un dirupo,
un dirupo, ma un ponticello,
un ponticello, ma traballante,
traballante, ma solo quello,
perché un altro non c’è.
Deve pur esserci un’uscita,
è più che certo.
Ma non tu la cerchi,
è lei che ti cerca,
è lei fin dall’inizio
che ti insegue,
e il labirinto
altro non è
se non la tua, finché è possibile,
la tua, finché è tua,
fuga, fuga –

Wisława Szymborska


Lascia un commento >

Ogni giorno il corpo lavora nei campi del mondo
rabberciando un muro di sassi
o roteando una falce nell’erba alta –
l’erba del diritto, l’erba dei soldi –
e ogni notte il corpo si rannicchia in sé
e aspetta le dolci campane del sonno.

Ma il cuore è senza posa e si alza
dal corpo nel mezzo della notte,
lascia la camera trapezoidale
con i muri spessi e senza quadri
per sedersi da solo al tavolo di cucina
e scaldarsi un po’ di latte in un tegame.

E anche la mente si tira su, si mette una vestaglia
e va di sotto, accende una sigaretta,
e apre un libro di tecnica.
Perfino la coscienza si sveglia
e vaga da una camera all’altra nel buio
sfrecciando via da ogni specchio come un pesce strano.

E l’anima è in cima al tetto
in camicia da notte, a cavalcioni sul colmo,
e canta una canzone sull’impetuosità del mare
finché compare il primo brandello di rosa nel cielo.
Allora, tutti torneranno nel corpo che dorme
come uno stormo di uccelli si risistema su un albero,

riprendendo il loro dialogo quotidiano,
parlando l’uno con l’altro o a se stessi
anche nella calura di lunghi pomeriggi.
È per questo che il corpo – quella casa di voci –
a volte depone le pinze di metallo, l’ago, o la penna
per fissare l’orizzonte,

per sentir chiamare tutti i suoi nomi 
prima di piegarsi di nuovo al proprio lavoro.

Billy Collins – La casa notturna

 

 

musica Asaf Avidan – Different pulses

 

Immagine

Dipinto
The Brilliance of Ordinary di Jamie Heiden


6 commenti

urgenze

È urgente l’amore.
È urgente una barca in mare.

È urgente distruggere certe parole,
odio, solitudine e crudeltà,
alcuni lamenti,
molte spade.

È urgente inventare allegria,
moltiplicare i baci, i raccolti,
è urgente scoprire rose e fiumi
e mattine limpide.

Cade il silenzio sulle spalle e la luce
impura, fino a dolere.
È urgente l’amore, è urgente
Restare.

Eugénio de Andrade 

http://youtu.be/luM6oeCM7Yw

musica Mogwai – Take Me Somewhere Nice

 

Immagine

Foto Josef Sudek


Lascia un commento

truciolo

yoklux

tepore dolce odore di paglia, a spada tratta

difendo i campi – inquilino io d’un alveare

di carni indifferenti, contrapposte.

così il passero sa d’esser parte del tutto-

la talpa, allocco, allodola, l’averla – lontano

dagli uomini, dall’odore del rancore.

protraggono fedelmente le loro memorie

nell’infinito stelo d’erba flesso dalla brezza

di miliardi d’anime antiche interrate.

View original post


5 commenti

per fortuna mi passa

C’è chi meglio degli altri realizza la sua vita.
E’ tutto in ordine dentro e attorno a lui.
Per ogni cosa ha metodi e risposte.
E’ lesto a indovinare il chi il come il dove
e a quale scopo.
Appone il timbro a verità assolute,
getta i fatti superflui nel tritadocumenti,
e le persone ignote
dentro appositi schedari.
Pensa quel tanto che serve,
non un attimo in più,
perché dietro quell’attimo sta in agguato il dubbio.
E quando è licenziato dalla vita,
lascia la postazione
dalla porta prescritta.
A volte un po’ lo invidio
– per fortuna mi passa.

Wisława Szymborska

 

Immagine

Foto Teun Hocks