Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi

trattengo il fiato

11 commenti

Per giocare a nascondino bisogna avere occhio, essere furbi.
Io conosco dei posti, dei buchi, che so solo io.
Stavolta mi son nascosto fra le assi
del magazzino di legno di Bigudòun.
Li sento che parlano, che chiamano,
sbircio dalle fessure, li vedo che girano,
che si indicano col dito dove devono andare.
Io aspetto qui, non mi muovo, trattengo il fiato.
Adesso mi pare che si siano un po’ allontanati,
io sto sempre nascosto, è ormai un’ora,
m’infilo in un budello più stretto, così,
fra due cataste, li voglio far diventare matti.
Ma dove sono? Non li sento più,
non capiscono mica niente, vanno purchessia.
Saranno più di due ore che sono qui,
è da oggi pomeriggio, si fa notte, e loro
poveracci, cercano sempre, ma non mi trovano,
e li voglio vedere a trovarmi in questo buco. 
Può anche darsi che abbiano perso la voglia,
che il gioco si sia smagliato, che siano andati a casa.
Peggio per loro, io sto buono fra tutte queste assi,
qui sotto non mi trova più nessuno.

 

************************

 

A zughé a cut bsògna avài òc, ès féurb.
Mè a cnoss di póst, di béus ch’a i so sno mè.
Stavólta a m so masè tramèza agli asi
de magazèin de lègn ad Bigudòun.
A i sint ch’i zcòrr, ch’i cèma,
a sbarlòc dal fiséuri, a i vèggh ch’i zéira,
ch’i s’inségna se daid dò ch’i à d’andé.
Mè aspétt aquè, a n mu n móv, a téngh e’ fiè.
Adès u m pèr ch’i s séa un pó sluntanè,
mè a stagh sémpra masèd, l’è bèla un’òura,
a m’infèil t’un budèl piò strètt, acsè,
fra do cadasi, a i ví fè dvantè mat.
Mo dò ch’i è? A n’i sint piò,
i n capéss mégga gnént, i va purséa.
E sarà piò ‘d do òuri ch’a so què,
l’è da òz dopmezdè, u s fa nòta, e lòu,
puràz, i zirca sémpra, mo i n mu n tróva,
e a i ví vdai a truvèm dréinta sté béus.
E’ po’ ès ènca ch’i apa pérs la vòia,
che e’ zugh u s séa smanè, ch’i séa ‘ndè chèsa.
Pèzz par lòu, mè a stagh bón tra tótt’ stagli asi,
aquè sòtta u n mu n tróva piò niseun. 

 

 

Raffaello Baldini 

“Cut”

 

 

 

Image

 

foto Keith Carter

Annunci

Autore: momix

faticosamente ripulita dai dogmi

11 thoughts on “trattengo il fiato

  1. Bella. E’ quel che succede se ti nascondi troppo?
    Però mi fa venir voglia di nascondermi. Uhm.

    Mi piace

  2. Bellissima!
    Bello giocare a nascondino si sente sempre un accellerazione del cuore, una certa ansia….

    buona serata momi
    .marta

    Mi piace

  3. Avere un buon nascondiglio a volte è un pò come giocare da soli.
    Buona notte! 🙂

    Mi piace

  4. sicuro che è bello starsene nascosti?
    Mica lo so…
    La poesia però, quella sì che è bella!
    Ciao, Momi!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...