Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


5 commenti

venghino signori, venghino!

Signore e Signori, su, presto accorrete!!!
Ragion per un passo di certo ne avrete.

Qui, un sentimento di gioia vi appaga,
presto sul cuore si chiude una piaga.

Con un sol gesto spariscon consorti,
con l’altra mano amori risorti.

E’ forse Magia? O forse Illusione?
Chi vi impedisce di tradir la ragione?

Orsù ascoltate, venite vicini
com’è che a ridere sento solo i bambini?

 

mmp 

musica Barcelona Gipsy Klezmer Orchestra – Shalom Alechem
Immagine
Immagine Shiori Matsumoto

 


17 commenti

…tranquilla!

Mi rinchiudono nella Prosa –
Come quando da Ragazzina
Mi mettevano nello Sgabuzzino –
Perché mi volevano “tranquilla” –

Tranquilla! Avessero potuto spiare –
E vedere il mio Cervello – andarsene in giro –
Era come se avessero confinato un Uccello
A Tradimento – in un Recinto –

A lui basta volerlo
E con la disinvoltura di una Stella
Dà un’occhiata alla Prigione –
E ride – Lo stesso faccio io –

***********

They shut me up in Prose –
As when a little Girl
They put me in the Closet –
Because they liked me “still” –

Still! Could themself have peeped –
And seen my Brain – go round –
They might as wise have lodged a Bird
For Treason – in the Pound –

Himself has but to will
And easy as a Star
Look down upon Captivity –
And laugh – No more have I –

 

Emily Dickinson J613

 

musica Wim Mertens – Prudence (da after virtue)

Immagine

fotografia Victor Schrager


4 commenti

dell’azzurrità

tutta la bellezza è struggimento
ma se penso alla cima del dolore
la associo soprattutto a un colore:
lʼazzurro primavera è il mio tormento.

il sole a fine aprile mi fa orrore
il pericoloso caldo appiccicato
il pazzo desiderio che mi invade
di liquefarmi azzurra nel creato.

Il tenero smottare del cemento
sotto il mio passo di cane vagabondo
cercando gentilezza per la strada

lʼabbraccio infedelissimo di un mondo
che mi considera un cane col cimurro
che mai potrà comprendere lʼazzurro.

Francesca Genti – nostra signora dell’azzurrità

musica Nitin Sawhney – breathing light

Immagine

artista Paul Robert Turner


5 commenti

…la pagnotta

Mi chiedi le parole dell’amore che io non dico
perché non ho braccia robuste
e poca forza nelle mani
per poterle proteggere.

Ma è stato il tuo ‘ti amo Giovanni, incondizionatamente”
ha messo il seme nel mio istinto.
Poi io sono stato capace di un unico gesto animale
ho voluto fare del tuo ventre un nido.

Se amore è quando noi due finiamo di pranzare e cenare
sui piatti vuoti e sulla tovaglia rimangono le briciole

se le mettiamo assieme fanno un pezzetto di pane
da sole sono la fame.

Giovanni Fierro – “pioggia”

musica The stranglers – always the sun

Immagine

foto Josef Sudek


2 commenti

walk naked…

Feci al mio canto un mantello
Coperto coi ricami delle antiche
Mitologie, dai piedi fino al collo;
Ma gli sciocchi
Lo presero per loro, lo indossarono
Davanti agli occhi del mondo
Quasi che loro l’avessero cucito.
Canzone, lascia pure
Che se lo tengano, perché
Ci vuole più coraggio a camminare nudi.


William Butler Yeats “Un mantello”

 

musica Charlotte Gainsbourg – little monsters

 

2969114_orig


dipinto Helen Flockhart

 

 


5 commenti

gli inquieti

Certi alberi vicini alle case 
sostano in una pace inclinata 
come indicando come chiamando 
noi, gli inquieti, i distratti 
abitatori del mondo. Certi alberi 
stanno pazientemente. Vicini 
alle camere nostre dove gridiamo 
a volte di uno stare insieme 
che ha dentro la tempesta 
noi che devastiamo facce care 
per una legge di pianto. 

Mariangela Gualtieri da Naturale Sconosciuto (Bestia di gioia)

 

musica Charlotte Gainsbourg – morning song

Immagine

dipinto Patricia Van Lubeck – Physalis pecus

(too much) Heaven in their minds

6 commenti

My mind is clearer now.
At last all too well
I can see where we all soon will be.
If you strip away The myth from the man,
You will see where we all soon will be. Jesus!
You’ve started to believe
The things they say of you.
You really do believe
This talk of God is true.
And all the good you’ve done
Will soon get swept away.
You’ve begun to matter more
Than the things you say.

Listen Jesus I don’t like what I see.
All I ask is that you listen to me.
And remember, I’ve been your right hand man all along.
You have set them all on fire.
They think they’ve found the new Messiah.
And they’ll hurt you when they find they’re wrong.

I remember when this whole thing began.
No talk of God then, we called you a man.
And believe me, my admiration for you hasn’t died.
But every word you say today
Gets twisted ‘round some other way.
And they’ll hurt you if they think you’ve lied.
Nazareth, your famous son should have stayed a great unknown
Like his father carving wood He’d have made good.
Tables, chairs, and oaken chests would have suited Jesus best.
He’d have caused nobody harm; no one alarm.

Listen, Jesus, do you care for your race?
Don’t you see we must keep in our place?
We are occupied; have you forgotten how put down we are?

I am frightened by the crowd.
For we are getting much too loud.
And they’ll crush us if we go too far.
If they go too far….

Listen, Jesus, to the warning I give.
Please remember that I want us to live.
But it’s sad to see our chances weakening with every hour.
All your followers are blind.
Too much heaven on their minds.
It was beautiful, but now it’s sour.
Yes it’s all gone sour.

Listen, Jesus, to the warning I give.
Please remember that I want us to live.
C’mon, c’mon
He won’t listen to me …
C’mon, c’mon
He won’t listen to me …


1 Commento

apri!

Apri la porta.

Forse fuori vedrai
un albero, o un bosco,
un giardino,
una città magica.
Apri la porta.
Se c’è nebbia, si diraderà.
Apri la porta.
Anche se troverai solo l’oscurità pulsante
o il vento che soffia,
anche se fuori non c’è nulla,
vai e apri la porta.
Quantomeno
entrerà un po’ d’aria.

Miroslav Holub

 

 

 

Immagine

dipinto Thomas Dodd


Lascia un commento >

La meraviglia di un fiore
di campo che stavi per mettere
sotto la scarpa
ti ha preso lo sguardo
e ti ha immobilizzata
sull’azzurro della sua luce
Se ti ha parlato
ti ha detto del tuo nulla
non del suo. 

Maria Liscio De Lauretis – “non del suo”

 

musica Nina Simone – Sinnerman

 

tumblr_mtiqqp8FiE1sn9njno1_1280

Foto Isabelle Menin