Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi

dell’azzurrità

4 commenti

tutta la bellezza è struggimento
ma se penso alla cima del dolore
la associo soprattutto a un colore:
lʼazzurro primavera è il mio tormento.

il sole a fine aprile mi fa orrore
il pericoloso caldo appiccicato
il pazzo desiderio che mi invade
di liquefarmi azzurra nel creato.

Il tenero smottare del cemento
sotto il mio passo di cane vagabondo
cercando gentilezza per la strada

lʼabbraccio infedelissimo di un mondo
che mi considera un cane col cimurro
che mai potrà comprendere lʼazzurro.

Francesca Genti – nostra signora dell’azzurrità

musica Nitin Sawhney – breathing light

Immagine

artista Paul Robert Turner

Annunci

Autore: momix

faticosamente ripulita dai dogmi

4 thoughts on “dell’azzurrità

  1. quante volte ci ritroviamo, cani vagabondi, a cercare un po’ di tenerezza tra chi ci circonda …

    Mi piace

  2. Pensa quanto sia preziosa un po’ di tenerezza per ul vecchio “orso” che a primavera stenta ad uscire dal letardo!
    Ciao, Monik. Buon 25 aprile di libertà! Un abbraccio. Osw.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...