Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi

rehab

Lascia un commento

A queste interminabili piogge
d’aprile, si feltrano i passi,
si sfaldano le voci, si disfà
il mondo
in una nube di suoni assorditi.
L’acqua del cielo lava le muraglie
e i sonnolenti pensieri,
come le piante, le pene antiche
schiude, ma senza bruciore.
Il corpo tracolla
adagio nel grembo del tempo
che senza illuse promesse ci guida
e i desideri nutrisce
anonimi e diffusi come foglie.
Così, senza sapere,
nell’impercettibile mutamento
a un tratto, ci distacchiamo.
Fusi in creta molle
attendiamo l’onda volubile
che ci riplasmi.
La natura riscatta i nostri errori,
mali d’un frutto suo,
ci rende alle sue rive inermi e ignudi.
E anch’io alla tua insidia gentile
ai tuoi incantevoli pianti e sospiri
m’affido,
a te che improvviso all’anima
nel nimbo piovoso mi rechi
il tuo perdono,
bella stagione.

Sergio Solmi “Piogge d’aprile”
Musica Amy Winehouse – rehab

image

megan howland

Annunci

Autore: momix

faticosamente ripulita dai dogmi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...