Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


6 commenti

mi unisco alle rane

Non più teorie: mi unisco al coro delle rane.
Voglio sentirle gracidare stanotte, circondandomi.
Nel loro alfabeto percepisco una sola vocale
e il gorgoglio dello stagno.
Il piano che ci hanno dato suona le medesime note
fin troppo ripetute. Basta.
Forse è un angelo quell’ombra
che s’innalza all’entrata della mia caverna.
Non mi risulta.
Le tenebre di Dio mai lasciano vedere qualcosa chiaramente.
Il tempo può girare intorno,
dipende dalla pioggia, dal vento tra gli alberi.
Non più teorie: abbiamo già ascoltato lo spettro,
zittiamo il Principe Amleto.
Per oggi mi bastano le voci delle rane,
voglio sentirle gracidare stanotte più vicine
lasciando che riempiano i miei sensi
con il loro taoismo solitario
fino a cancellare i misteri del mondo.
Con i loro cori mi abbandono all’estrema grazia.

Eugenio Montejo – le rane

musica philip glass – metamorphosis I

20121019185421-024-Essam_Marouf_2010__170_x_196_cm__acrylic_on_linen__Detail_

essam marouf

 


Lascia un commento

tabula rasa

Capirò se vorrai chiudere i tuoi petali
la sera, nella notte il silenzio è divino
e il divino è un boato, certi fiori non
resistono neanche al vento.

Stringi la corolla più che puoi,
con l’alba ai petali stropicciati
sfuggirà il tuo sorriso inconsapevole,
tu, felice del tuo solo esistere.

Non c’è nient’altro che devi capire.

mmp – ‘Capirò’

musica Arvo Part – tabula rasa

visionary-art-002.jpg

elena ray


5 commenti

due cieli

​Questa mattina

ho chiuso le finestre

ho chiuse le porte e

ho riposto in ordine le poesie

quelle del tempo visionario

e quelle del tempo della rabbia


forse ho davvero due anime

forse ho davvero due cieli

forse parlo

per chi ascolta gli uccelli e per chi

aspetta dal poeta materia concreta


ma io ho soltanto ombre nelle tasche


forse non so neppure chi sono


ma non ho lasciato fuori il mondo:

lo ascolto come da dentro il suo ventre. 


Toni Maraini

Musica Africa Unite – Notti Dub.

thomas dodd


2 commenti

till the end of the world

Sorriderti forse è morire,
porgere la parola
a quella terra leggera
alla conchiglia in rumore
al cielo della sera,
a ogni cosa che è sola
e s’ama col proprio cuore.
Alfonso Gatto

 

musica Nick Cave – (I’ll Love You) Till the End of the World

mon-petit-fils-remi-ecoutant-la-mer-aou%cc%82t-1955

edouard boubat Mon petit-fils rémi écoutant la mer, Août 1955


Lascia un commento

puri di cuore: avanti!

Col tuo passo sicuro e tranquillo
penetri per i neri corridoi
fino alla cella dove sono rinchiusa,
ed esclami gioioso: «Dov’è l’oscurità
di cui tanto piangevi? Sei tutta illuminata».

Tu non sai che la luce che vedi
è quella che tu irraggi, essendo puro di cuore
e quando la tua visita è finita
essa ti segue, io resto
di nuovo spenta!

Margherita Guidacci

 

musica Thievery Corporation – the temple of I & I (2017)

5mp80x100_linguaggio_dei_corpi_yin_pier_toffoletti

pier toffoletti