Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


Lascia un commento

drums roll and we must go

Parole nel Secchio

Deve mangiare viole del pensiero, l’avvoltoio?
Dallo sciacallo, che cosa pretendete?
Che muti pelo? E dal lupo? Deve
Da sé cavarsi i denti?
Che cosa non vi garba
nei commissari politici e nei pontefici?
Che cosa idioti vi incanta, perdendo biancheria
sullo schermo bugiardo?

Chi cuce al generale
la striscia di sangue sui pantaloni? Chi
trancia il cappone all’usuraio? Chi
fieramente si appende la croce di latta
sull’ombelico brontolante? Chi intasca
la mancia, la moneta d’argento, l’obolo
del silenzio? Son molti
i derubati, pochi i ladri; chi
li applaude allora, chi
li decora e distingue, chi è avido
di menzogna?

Nello specchio guardatevi: vigliacchi
Che scansate la pena della verità,
avversi ad imparare e che il pensiero
ai lupi rimettete,
l’anello al naso è il vostro gioiello più caro,
nessun inganno è abbastanza cretino, nessuna
consolazione abbastanza a buon prezzo, ogni ricatto
troppo blando è per voi.

Pecore, a voi…

View original post 74 altre parole

Annunci


2 commenti

gli uccelli, per primi

Lattiginosa d’alba
nasce sulle colline,

balbettanti parole ancora

infantili, la prima luce.


La terra, con la sua faccia

madida di sudore,

apre assonnati occhi d’acqua

alla notte che sbianca.


(Gli uccelli sono sempre i primi

pensieri del mondo).


Giorgio Caproni – prima luce

musica damien rice – I don’t want to change you

marco mazzoni


3 commenti

non so mai dire

 

La luna come medaglia sul mio ritorno
Ma io, io dell’Amore non so spiegare
La vastità del cielo di ottobre mi aspira intera
E ancora dell’Amore io non so dire
Il rapido mutare della foglia in rosso
Ma di nuovo dell’Amore non ne calcolo misura

Solo il tuo abbraccio me ne parla. Ne contiene.

Dell’Amore -quello vero- le parole hanno paura

 

mmp – non so mai dire

Musica Woven Hand – the speaking hands

CUADROS_B22

gao xingjian

 


2 commenti

i’m confused

 

 

Come un’acqua che spinge
che vuol rovesciare,
con gran impeto uscire
e allagare e le bocche riempire,
zittire e fare lago là,
dove ora c’è pollaio.

Specchio d’acqua senza moto
dove solo cielo può abitare
questo panico acquietarsi (nella stretta di madre)
“tutto passa, tutto passa”
Non so essere cascata,
posso solo gocciolare.

mmp (monicamomipellacini)

musica Death in Vegas – Aisha

sarolta_ban

sarolta bàn


Lascia un commento

contro il divino boato

Di cose piccole
il tocco sentire
per distrarmi dall’oblio
e sentirmi gigante

 
Una musica d’alberi
e selvatici fruscii
per coprire il boato divino
– voragine – infinito –

 
La lingua degli stolti
parlare madrelingua
per gridar loro – attenti!
– morite in Vita!

 
mmp (monicamomipellacini)

 

 

musica D.A.F. – Verschwende deine Jugend 

oppure

musica Sivert Høyem – Into The Sea

sarolta-ban-5

sarolta bàn


Lascia un commento

haiku a catinelle III parte

attesa l’acqua
nelle bocche aperte
la sete non placa

***

torna bruciando
l’ora abbandonata
di spenta passione

***

luce d’estate
pronta a richiudersi
dentro l’inverno


nubi placano
del sole l’abbaglio
posso pensare

°°°

danze di foglie
sollevano l’anima
verso il mio dio

mmp – da ‘haiku a catinelle’ (III part)

musica thievery co. – the cosmic game (album)

Spiritual-illustrations-022.jpg

elena ray