Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


2 commenti

per caso

cos’è che posso oggi dedicarti?
la vita, quella, indietro m’è rimasta
là dentro l’abitudine risuona solo il nome
e il canto nell’azzurro s’è schiantato

confusi e annebbiati migliaia di minuti
rimossi da cent’anni alla radice
di colpo in controluce son tornati
tra mobili svedesi di me meno imprecisi

chi dice che non ci sono più stagioni
non sa come i colori addosso son cambiati
tra i tuoi capelli gli occhiali da miope
per non vedere hai messo a riposare

ché se m’avessi scorta li inforcavi
o hai fatto come me e il ruolo del presente
hai recitato per non doversi leggere negli occhi
che non v’è traccia alcuna di promesse

e io non so davvero a chi parlarne
di quella posizione delle mani e
della piega lieve della testa che assumi
e che neanche tu conosci

volevo che sapessi che t’ho visto
tra i mobili svedesi già montati

mmp

musica talking heads – memories can’t wait

steven kenny

steven kenny