Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


Lascia un commento

under attack

I fiori ululano di notte e al volo
afferrano le stelle quei lamenti
e nell’abisso sfrecciano comete.
Rifare il trucco all’infanzia negata?
Fatti da parte che vado di fretta
tardi per dirne, per cambiare strada.
Per l’ira la sedia saltò sul tetto
del mio peso non volle più saperne.
Ora la traccia è quella del lupo
lento gli vado dietro mentre dorme.

 

Alessio Brandolini da ‘nello sguardo del lupo’, 2014

musica Sound the Alarm-Thievery Corporation


5 commenti

acqua.

Scricchiola la prateria.
Dalle sue crepe la terra reclama
l’acquazzone. Un affanno riarso spacca
l’aria. Brama l’orizzonte
murato dalla sete. Uno sbuffo picchia sulla testa
del fumante erbaio. Crepita il seminato.

Gli dei se ne stanno
ben oltre le preghiere.
(Qualcuno
scriva
dica
canti)

Sulla gola riarsa
l’acqua si riversi
percorra il fiume del sogno
la cavità sabbiosa dell’insonnia
e dissecchi* la spugna del silenzio.

Sfoci la corrente di segni e suoni
nel delta finale delle domande.
Un solo alveo per due sbocchi:

quello dell’onda che forse risponde
quello della roccia che senz’altro tace.

All’alba rumor d’acqua trabocchi dalla crepa.

Jorge Arbeleche ‘a secco’

traduzione di Alessio Brandolini e Martha Canfield

*ndr avrei tradotto con ‘impregni’

musica Mazzy Star – five string serenade

mario giacomelli

mario giacomelli