Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


13 commenti

a perfect soul

Se ci fosse una gomma da cancellare, una gomma
da inchiostro, no da lapis, o se no
con una macchina da scrivere battere xxx,
o, per far meglio, xyxy
o, per fare ancora meglio mnmn,
che si fa poco mn, ma cancella,
porca masola, che non si capisce piu’ niente,
o addirittura,meglio di tutto,ma non ce l’ho
un computer ci vorrebbe, che basta un tasto,
e sparisce tutto, senza un cancellotto, tutto bianco,
come non fosse successo niente,
perché io nella mia vita i sbagli che ho fatto


S’u i fòss ‘na gòmma de scanzlè, ‘na gòmma
da inciòstar, no da lapis, o se no
s’na machina da scréiv, bat xxx,
o par fè mèi, xyxy,
o
par fè mèi ancòura, mnmn,
ch’u s fa pòch mn, mo e’ scanzèla,
porca mansóla, ch’u n s capéss piò gnént,
o adiritéura, mèi di tótt, mo a n l’ò,
un computer u i vrébb, ch’e’ basta un tast,
e e’ sparéss tótt, senza un scanzlòt, tòtt biènch,
cmè ch’u n fòss suzèst gnènt,
perchè mè te mi mònd i sbai ch’ò fat.

Raffaello Baldini – La gòmma

musica Macy Gray – Creep

etienne cabran

etienne cabran


5 commenti

la chèrta zala

Come farò a spiegare
a uno che non l’ha mai vista
cos’era la carta gialla,
la carta gialla da pacchi, fatta con la paglia,
che stava sul bancone di quelle bottegucce
addormentate nel sole del pomeriggio?
La gente che andava lenta
negli abiti della domenica
ha portato via tutti i suoi cartocci.

Cumè ch’a farò a spieghè
ma éun ch’u n la à mai vésta,
‘s’èll ch’l’era la chèrta zala,
la chèrta zala da pach, fata sla paia
ch’la stévva se bancòun ad cal budgózzi
indurménti te sòul de dopmèzdè?
La zénta ch’la andévva pianin
ti vstéi dla dmènga
la à pórt vèa tótt i su cartózz.

Nino Pedretti – ‘la chèrta zala

musica The Niro – Non Riesco A Muovermi

nathalie grall

nathalie grall


8 commenti

arberi e scialletti

Cor venticello che scartoccia l’arberi
entra una foja in cammera da letto.
È l’inverno che ariva e, come ar solito,
quanno passa de qua, lascia un bijetto.
Jole, infatti, me dice: “Stammatina
me vojo mette quarche cosa addosso;
nun hai sentito ch’aria frizzantina?”
E cava fôri lo scialletto rosso,
che sta riposto fra la naftalina.
“M’hai conosciuto proprio co’ ’sto scialle:
te ricordi?” me chiede: e, mentre parla,
se l’intorcina stretto su le spalle.
“S’è conservato sempre d’un colore:
nun c’è nemmeno l’ombra d’una tarla!
Bisognerebbe ritrovà un sistema,
pe’ conservà così pure l’amore…”
E Jole ride, fa l’indiferente:
ma se sente la voce che je trema.

Trilussa – ‘lo scialletto’

sentite qui come la fa volare Poetella!!!

musica johnny marr – the messenger

chris rush gesso su lavagna

chris rush
gesso su lavagna


11 commenti

trattengo il fiato

Per giocare a nascondino bisogna avere occhio, essere furbi.
Io conosco dei posti, dei buchi, che so solo io.
Stavolta mi son nascosto fra le assi
del magazzino di legno di Bigudòun.
Li sento che parlano, che chiamano,
sbircio dalle fessure, li vedo che girano,
che si indicano col dito dove devono andare.
Io aspetto qui, non mi muovo, trattengo il fiato.
Adesso mi pare che si siano un po’ allontanati,
io sto sempre nascosto, è ormai un’ora,
m’infilo in un budello più stretto, così,
fra due cataste, li voglio far diventare matti.
Ma dove sono? Non li sento più,
non capiscono mica niente, vanno purchessia.
Saranno più di due ore che sono qui,
è da oggi pomeriggio, si fa notte, e loro
poveracci, cercano sempre, ma non mi trovano,
e li voglio vedere a trovarmi in questo buco. 
Può anche darsi che abbiano perso la voglia,
che il gioco si sia smagliato, che siano andati a casa.
Peggio per loro, io sto buono fra tutte queste assi,
qui sotto non mi trova più nessuno.

 

************************

 

A zughé a cut bsògna avài òc, ès féurb.
Mè a cnoss di póst, di béus ch’a i so sno mè.
Stavólta a m so masè tramèza agli asi
de magazèin de lègn ad Bigudòun.
A i sint ch’i zcòrr, ch’i cèma,
a sbarlòc dal fiséuri, a i vèggh ch’i zéira,
ch’i s’inségna se daid dò ch’i à d’andé.
Mè aspétt aquè, a n mu n móv, a téngh e’ fiè.
Adès u m pèr ch’i s séa un pó sluntanè,
mè a stagh sémpra masèd, l’è bèla un’òura,
a m’infèil t’un budèl piò strètt, acsè,
fra do cadasi, a i ví fè dvantè mat.
Mo dò ch’i è? A n’i sint piò,
i n capéss mégga gnént, i va purséa.
E sarà piò ‘d do òuri ch’a so què,
l’è da òz dopmezdè, u s fa nòta, e lòu,
puràz, i zirca sémpra, mo i n mu n tróva,
e a i ví vdai a truvèm dréinta sté béus.
E’ po’ ès ènca ch’i apa pérs la vòia,
che e’ zugh u s séa smanè, ch’i séa ‘ndè chèsa.
Pèzz par lòu, mè a stagh bón tra tótt’ stagli asi,
aquè sòtta u n mu n tróva piò niseun. 

 

 

Raffaello Baldini 

“Cut”

 

 

 

Image

 

foto Keith Carter


5 commenti

L’invisibilità delle madri

Se ho potuto studiare
lo devo a mia madre
che firma con una croce.

Se conosco tutte le città
che stanno in capo al mondo
è stato per mia madre, che non ha mai viaggiato.

Ieri l’ho portata in un caffè
a far due passi
perché quasi non ci vede più niente
– Sedetevi, qua. Cosa volete? Un bignè?

*********

Se mè ò studié
l’è stè par la mi ma,
ch’la fa una cròusa invéci de su nóm.

S’a cnòss tótt al zità
ch’u i è in chèva e’ mònd,
l’è stè par la mi ma, ch’la n’à viazè.

E ir a l’ò purtèda t’un cafè
a fè du pas, ch’la n’ vàid bèla piò lómm.
– Mitéiv disdài. Csa vléiv! Vléiv un bignè?

Tonino Guerra “I sacriféizi”

 
 
 Immagine
 
Nella foto (risalente all’età vittoriana) la madre è resa invisibile da un tappeto che la copre per intero. L’invisibilità delle madri..