Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


4 commenti

disordine di fondo

Bello, bello, bello mondo, bello ridere di
mondo in luce mattutina in
colorazione di mondo con stagioni e
popolazione e animali. Bello mondo
questo ricordo, questo io lo ricordo
bello, molto bello mondo, con cielo
diurno e notturno, con facce che
mi piacevano e musi e zampe e
vegetazione che mi sospirava e mi
sospirava leggera leggera, tirando
via chili e scarponi interiori che mi
infangavano, tirando via ferri da stiro
che mi portavo nel petto, e gran pulitura
di dentro. Bello, questo io lo ricordo
bello.
Io ho avuto soccorso a volte da
una piccola foglia, da un frutto così
ben fatto che dava sollievo a mio
disordine di fondo. Sì sì.

Mariangela Gualtieri

da Fuoco centrale e altre poesie per il teatro 

musica Talvin Singh – butterfly

be-quiet-de-wind-is-telling-stories

mirjam appelhof  – be quiet de wind is telling stories

Annunci


Lascia un commento

ordini e disordini

D’ora in ora più selvatica. Lo so. 
Da tanti anni divorata, 
tagliata, ritagliata,
i rami costretti a destra e a manca, 
mi slanciai, fiorendo, minuti fiori bianchi 
sopra gli steccati fisso in viso le persone 
Mi guardano le api, mi ha preso in manto il vento 
Forte e aspro è il mio gusto, rigogliose le mie fronde. 
Si acciglia la gente, se vede che metto ancora una radice.

Janet Frame

musica Joy Division – disorder

Image

dipinto Montserrat Gudiol