Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


Lascia un commento

per caso

Notte del ventuno. Lunedì.
La città è immersa nel buio.
Un qualche burlone ha scritto
che c’è amore sulla terra.
E per pigrizia o per tristezza
tutti ci hanno creduto. E così vivono:
anelano incontri, temono i distacchi,
cantano amorose canzoni.
Ma diverso si rivela il mistero
e il silenzio calerà su ognuno…
Anch’io mi ci sono imbattuta per caso
e d’allora sono sempre come ammalata.

Anna Achmatova

Saul Leiter 1954

Saul Leiter 1954


9 commenti

ma no!

Non sa di brillare
Non sa di volare
Non sa di essere questo e non quello.

E sempre più spesso a bocca aperta,
Con la Gauloise che si spegne,
Davanti a un bicchiere di vino rosso,
Penso a cosa significhi essere questo e non quello.

Quando avevo vent’anni era lo stesso.
Allora però con la speranza di poter essere tutto,
Forse anche farfalla o merlo, per sortilegio.
Ora vedo le strade polverose del circondario
E la cittadina dove l’impiegato delle poste si ubriaca ogni giorno
Per il rammarico di essere identico solo con sé.

E se a rinchiudermi fossero soltanto le stelle
E se le cose stessero semplicemente così,
Che ci sono il così detto mondo e il così detto corpo.
Se volessi essere non contraddittorio. Ma no.

Czeslaw Milosz – “cosa significa”

 

musica Madrugada – majesty

Immagine

 

foto Saul Leiter


5 commenti

…ma opere di bene

 

 
Ma voi siete cristiani ?
Allora siate cristiani.
La sera si potrebbe.
é per questo potere che è la vita,
questo ritardo. Questi mazzi di fiori
non portati, poi in un sol colpo
in morte consegnati. Quanti fiori!
Eppure si potrebbe.
 
Uscire, varcare, raggiungere.
 
 
Patrizia Cavalli

 

musica Nina Simone – Love me or leave me

Immagine

 

Foto Saul Leiter, Phone call, 1957


8 commenti

io sono ciò che manca

In un campo
io sono l’assenza
di campo.
Questo è
sempre opportuno.
Dovunque sono
io sono ciò che manca.

Quando cammino
divido l’aria
e sempre
l’aria si fa avanti
per riempire gli spazi
che il mio corpo occupava.

Tutti abbiamo delle ragioni
per muoverci
io mi muovo
per tenere assieme le cose.

Mark Strand – “Keeping Things Whole”

http://youtu.be/KMfL7rVAu0U

musica Bon Iver – wash.
Immagine

 

Foto Saul Leiter, 1954