Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


1 Commento

Domanda da porsi senza tregua: per dove e come restituire agli uomini la notte del sogno? E per sviare l’orrore che li visita: col soccorso di quale materia soprannaturale, di quale futuro millenario d’amore?

Non dare all’uccello più ali di quante ne regga. Per sua disgrazia ci eguaglierebbe.

René Char, da “Avversioni” trad. V. Sereni in Ritorno Sopramonte, Mondadori, 1974.

Tratto dal diario di Marco D. Conti Poesie per colazione – 1033

musica this mortal coil – song to the sirens

marco mazzoni

Annunci