Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


8 commenti

in quanto a me

1.

Dove vivo? Se non ho un indirizzo, come molti
non hanno, potrei però dire che vivevo nella
stessa città dei gigli di campo e di acqua.

Primavera, in tutto il vicinato ci sono ora
forti uomini che coltivano fiori.

La bellezza senza un fine è bellezza senza virtù. Ma
ogni cosa bella, per natura, ha questa funzione –
stimolare chi osserva verso pensieri sublimi. Gloria
al mondo, quel gran maestro.

Tra i cigni nessuno è chiamato l’ultimo, o
il migliore.

Io credo nella gentilezza. Anche nella malizia. Anche nel
canto, specialmente quando cantare non è necessariamente
previsto.

In quanto al corpo, è solido e forte e curioso
e pieno di dettagli; vuole auto perfezionarsi; vuole
amare un altro corpo; è
l’unico recipiente del mondo che possa contenere,
in un misto di potere e
dolcezza: parole, canzoni, gesti, passione, idee,
ingenuità, devozione, allegria, vanità e virtù.

Conserva qualche stanza nel tuo cuore per l’inimmaginabile.

Mary Oliver – da ‘Evidence’ (1 of 3)

trad. mmp

musica Heartless bastards – only for you

cone-80x80-cm

truls espedal – ‘cone’ 80×80


5 commenti

chinare la testa

Davvero, viviamo con misteri troppo prodigiosi

per essere compresi.

Come l’erba possa essere nutrimento nella

bocca degli agnelli.

Come fiumi e pietre siano per sempre

devoti alla gravità

mentre noi sogniamo di elevarci.

Come due mani si tocchino e i legami 

non siano mai spezzati.

Come le persone si avvicinino, per delizia o per

le cicatrici del danno,

al conforto di una poesia.

Lasciami prendere le distanze, sempre, da chi

pensa di avere le risposte.

Lascia che io faccia compagnia sempre a chi dice

“Guarda!”e ride di stupore,

e china la testa.

Mary Oliver*

‘Mysteries, yes’

musica Talvin Singh – ‘Sway of the verses’

willy-zielke-1.jpg

willie zielke


Lascia un commento

warning signs

Tempo fa abbiamo smesso di sollevare i talloni
come gli altri—cavallo, cane, e tigre—
sebbene ci emozionasse la loro velocità
nel fuggire. Anche il topo
sotto l’enorme peso di una crocchetta
per cani è invidiabilmente aggraziato.
C’è poco leggerezza nella nostra camminata,
oppressi come siamo dalle responsabilità,
tutte quelle azioni disciplinari
che ci sono cadute addosso, le punizioni,
le uccisioni, e tutto coi nostri piedi
affondati a morte nella pelle dei conquistati.
Ma talvolta, nelle prime ore del mattino,
possiamo sentire come debba esser stato
essere uno di loro, in punta di piedi,
di soppiatto attraversare porte dove altri stan dormendo,
e di colpo poter vedere nel buio.

Ted Kooser* – ‘Walking on Tiptoe’

(*traduzione mmp)

musica talking heads – warning sign

helen flockhart

helen flockhart


10 commenti

muchness

Ti vidi nel mattino piovoso
dalla finestra della camera d’albergo,
correvi sulla passerella per salire sulla barca
Indossavi i tuoi famosi pantaloni arancio

che in realtà sono albicocca
e la barca oscillò appena
quando saltasti sul bordo.

Stavi andando al lavoro
col tuo zaino e il tuo blocco da disegno
e i tuoi cespugliosi capelli grigi
che schizzano nel maltempo
come un bouquet di lana d’acciaio.

È proprio come il mio cuore, pensai—
Giace raccolto dentro me, addormentato,
poi sprizza fuori e mi sciocca
con tutta la sua tantezza.

Ma visto che stavo sognando, la tua barca sparì.
Rimase così soltanto il grigio scintillio
del porto lasciato indietro, come acciaio annerito

e i verdi boschi scoscesi che crescono fino giù alla spiaggia
e le colline garzate di nebbia.

Era la tua barca svanita
a dar forma allo scenario,
suggerendo il viaggio e la meta

così la narrazione, terminato il suo dovere,
svanì anch’essa,
Lasciandosi dietro l’affezionata cugina descrizione;

–descrizione
Che si dilunga,
ed ama senza ragione.

Tony Hoagland*‘muchness’

(*traduzione mmp)

musica Macy Gray – sail

donna acheson juillet

donna acheson juillet


2 commenti

e dirlo totale

Se dirlo una volta
Ed una soltanto, e ancora
Dire: Sì

E dirlo totale,
Dirlo come se la parola
riempisse l’intero momento
col suo assoluto dirsi.

Dopo i “Ma”
Dopo i “Se”

Ora
Solo La singola sillaba
Quella amata,
Quella che é mondo.

Gregory Orr*

*trad. mmp

musica Madrugada – strange color blue

masao yamamoto

masao yamamoto

// <![CDATA[
​_
// ]]>


11 commenti

verde di mary oliver

Non osare arrampicarti su quell’albero
non provarci, dissero, o verrai spedita
nell’ospedale degli stupidoni, se non nell’altro.
E suppongo, considerando la mia età,
fosse un giusto avvertimento.

Ma l’albero per me è una sorella, lei
vive sola in un cottage verde
lassù in aria e so cosa potrebbe
succedere, batterebbe le sue verdi mani,
scuoterebbe i suoi verdi capelli, lei
mi accoglierebbe. A dire il vero

ho provato a fare la brava ma talvolta
una persona deve proprio evadere e
agire come la selvaggia, molleggiata cosa
che era un tempo. È impossibile non
ricordare il selvaggio e rivolerlo indietro. Così
se un giorno non mi doveste trovare, potreste
guardare dentro quell’albero o – certo
è possibile – sotto di esso.

Mary Oliver* – Green, green is my sister’s house
(*trad. mmp)
musica Wim Mertens – struggle for pleasure
Keith Haring (Am. 1958-1990), The Tree of Monkeys, acrylic, 1984

Keith Haring (Am. 1958-1990), The Tree of Monkeys, acrylic, 1984


1 Commento

non sprecare il tuo fiato

Devi fare attenzione nel dire le cose.
Certe orecchie sono come tunnel.
Le tue parole entreranno perdendosi nel buio.
Alcune orecchie sono come i setacci che i minatori usano
per trovare l’oro.

Ciò che dici sarà lavato con le pietre.
Devi cercare a lungo prima di trovare le orecchie giuste.
Fino ad allora ci sono uccelli e lampioni con cui parlare,
un paziente lustrare con uno straccio in circolo
e la lenta crescente possibilità
che quando troverai quelle orecchie
loro già sappiano.

Naomi Shihab Nye*

Immagine

foto Gilbert Garcin