Parole nel Secchio

Attinte dal fondo degli animi


5 commenti

if you’re a bird, I’m a bird

Parole nel Secchio

Di colpo ritrovarsi
slegati a gravità terrene:
fluttuare ed esser tutto
senza cercar parole.

A noi non resta che il sapore
di troppo brevi voli 
per giunta a pagamento:
pericolose chimiche o eccessive pene.

Un corpo è macchina perfetta
per traghettare anime
dal Prima al Dopo, passando per l’Adesso.
A noi le recinzioni, a te lo Sconfinato.

mmp – a G. L.

 

 

musica Hindi Zahra – set me free

Immagine

foto Jamie Haiden “if you’re a bird, I’m a bird”

View original post

Annunci


2 commenti

…but I don’t remember what

And I can’t forget…

Parole nel Secchio

Immagine

 

I stumbled out of bed 
I got ready for the struggle 
I smoked a cigarette 
And I tightened up my gut 
I said this can’t be me 
Must be my double 
And I can’t forget, I can’t forget 
I can’t forget but I don’t remember what 
I’m burning up the road 
I’m heading down to Phoenix 
I got this old address 
Of someone that I knew 
It was high and fine and free 
Ah, you should have seen us 
And I can’t forget, I can’t forget 
I can’t forget but I don’t remember who 

I’ll be there today 
With a big bouquet of cactus 
I got this rig that runs on memories 
And I promise, cross my heart, 
They’ll never catch us 
But if they do, just tell them it was me 

Yeah I loved you all my life 
And that’s how I want to end it 
The summer’s…

View original post 47 altre parole


2 commenti

keep on running

Se fossi vissuto un altr’anno
avrei perfezionato la mia macchina volante,
e sarei divenuto ricco e famoso.
Perciò bene ha fatto l’artigiano
che ha tentato di scolpirmi una colomba
a farla più somigliante a un pollo.
Cos’è in fondo la vita se non uscire dal guscio
e scorrazzare nel cortile
fino al giorno del ceppo?
Solo che l’uomo ha l’intelligenza d’un angelo
e vede la scure sin dal primo momento!

Edgar Lee Masters, 1915

musica Tricky (ancora) – Bacative

alice-wellinger

alice wellinger


Lascia un commento

nessun potere

All’orecchio del mio cuore disse la volta celeste in segreto:
“Apprendi da me una legge del destino:
se io avessi qualche potere sul mio moto circolare,
avrei liberato me stessa da questa vertigine.”

 

Omar Khayyàm – quartina (Rubʿayyāt) n. 261 della traduzione di Francesco Gabrieli

 

musica Tricky – wait for god

231d166e749c455125a3079091ca43c6

masao yamamoto


Lascia un commento

senso pietroso

Il ciottolo è una creatura
perfetta

uguale a se stesso
attento ai propri confini

esattamente ripieno
di senso pietroso

con un odore che non ricorda nulla
non spaventa nulla non suscita desideri

il suo ardore e la sua freddezza
sono giusti e pieni di dignità

provo un grave rimorso
quando lo tengo nel palmo
e un falso calore
ne pervade il nobile corpo

– I ciottoli non si lasciano addomesticare
fino alla fine ci guarderanno
con un occhio calmo e molto chiaro

 

Zbigniew Herbert – il ciottolo

musica PJ Harvey – down by the river

www-m-e-d-u-s-a-tumblr

foto dal web


8 commenti

in quanto a me

1.

Dove vivo? Se non ho un indirizzo, come molti
non hanno, potrei però dire che vivevo nella
stessa città dei gigli di campo e di acqua.

Primavera, in tutto il vicinato ci sono ora
forti uomini che coltivano fiori.

La bellezza senza un fine è bellezza senza virtù. Ma
ogni cosa bella, per natura, ha questa funzione –
stimolare chi osserva verso pensieri sublimi. Gloria
al mondo, quel gran maestro.

Tra i cigni nessuno è chiamato l’ultimo, o
il migliore.

Io credo nella gentilezza. Anche nella malizia. Anche nel
canto, specialmente quando cantare non è necessariamente
previsto.

In quanto al corpo, è solido e forte e curioso
e pieno di dettagli; vuole auto perfezionarsi; vuole
amare un altro corpo; è
l’unico recipiente del mondo che possa contenere,
in un misto di potere e
dolcezza: parole, canzoni, gesti, passione, idee,
ingenuità, devozione, allegria, vanità e virtù.

Conserva qualche stanza nel tuo cuore per l’inimmaginabile.

Mary Oliver – da ‘Evidence’ (1 of 3)

trad. mmp

musica Heartless bastards – only for you

cone-80x80-cm

truls espedal – ‘cone’ 80×80